CRITICALIA-Home-CSC   CENTRO STUDI CRITICALIA

CRITICALIA-Home-CSC   CENTRO STUDI CRITICALIA
Visione e missione
Il Centro Studi Criticalia cura l'individuazione e lo studio di ideologie,  nuove conoscenze, scienze e tecnologie orientando l'attenzione verso i problemi e le sfide più attuali della società europea per trasmetterle alla comunità politica. Promuove la comunicazione tra il mondo politico, il mondo economico e i cittadini.
Le nostre attività
Attività di "intelligence"  su quanto pubblicato sul web, sui media classici, su libri. Elaboriamo articoli e saggi critici  sui contenuti analizzati; organizziamo eventi pubblici, cercando sempre di mantenere l'equidistanza tra le varie parti politiche; sempre con un linguaggio comprensibile ai più.

                            
Ultimi articoli




















Italiani ottimisti per volontà
26 maggio 2020  (leggi l'articolo)


La linea cinese
26 maggio 2020 (leggi l'articolo)


Riorganizzare una sanità pubblica efficace è necessario
26 maggio 2020 (leggi l'articolo)


Riforme strutturali, non c'è più tempo da perdere
26 maggio 2020 (leggi l'articolo)


Tornare alla normalità senza risolvere i problemi della normalità
25 maggio 2020 (leggi l'articolo)



Nemica infocrazia
25 maggio 2020 (leggi l'articolo)


Quando il terrore è utile
25 maggio 2020 (leggi l'articolo)

Una riflessione sulla liberazione di SR

25 maggio 2020 (leggi l'articolo)


L'immunità di gregge versione inglese e svedese

25 maggio 2020  (leggi l'articolo)


Possono finire le ideologie?

25 maggio 2020  (leggi l'articolo)

Liberi podisti in libero contagio

14 maggio 2020
La polemica surreale sulle libertà conculcate dei podisti  (continua a leggere)


Italia, un Paese nuovo

13 maggio 2020
Dopo la Fase 1 dell’epidemia, il primo vincolo è ripagare il debito pubblico (continua a leggere)

 

Senza assistenzialismo niente assistenza alle aziende

9 maggio 2020
Non si possono chiedere i vantaggi di una ideologia rifiutandola in toto  (continua a leggere)


Europa  uber alles

8  maggio 2020
Per essere europei dobbiamo assumere la serietà tedesca (continua a leggere)



Il pollaio digitale e i galli mafiosi

7  maggio 2020
Il dibattito politico schiacciato dall’audience evita di affrontare i problemi reali  (continua a leggere)



Una Lega che vuol diventare “alternativa liberale”?
 
 

6  maggio 2020
L’annuncio di Matteo Salvini potrebbe essere l’inizio di una nuova fase politica (continua a leggere)



L’indispensabile Centralità dell’Europa nell’affrontare l’epidemia da Covid19
 
 

5  maggio 2020
Il riavvio dell’economia può essere una linea di partenza per una nuova Unione Europea  (continua a leggere)

Un Paese salvato dagli ultimi  

4 maggio 2020
Un'altra lezione della pandemia (continua a leggere)

 

Il presidente USA rischia la non riconferma per una battuta  

3 maggio 2020
Quando le reti sociali via internet andrebbero usate con saggezza (continua a leggere)


Secondo Fitch, il debito pubblico italiano è a un capello dalla  spazzatura
 

2 maggio 2020
Il rischio spread continua a crescere ( continua a leggere)

 





 

Gli articoli precedenti sono consultabili nella pagina  Archivio
 

Contatti:  info@criticalia.it

     
  Cultura


Il capitale (nel XXI secolo), di Thomas Piketty
30 marzo 2020

Il titolo del libro richiama quello della celeberrima opera di Karl Marx..

A quasi due secoli dalla elaborazione da parte di Marx della sua teoria economica, e dopo che nel XX secolo le ideologie politiche legate a quella teoria hanno profondamente influenzato la società europea e mondiale, Piketty attua una attenta analisi sulla evoluzione del capitale avvenuta negli ultimi due secoli. La sintesi è sconsolante: dopo che la presenza dei partiti politici socialisti e comunisti ha rivoluzionato la distribuzione sociale del capitale in senso ugualitario, non appena si sono affermati i partiti della disuguaglianza la situazione è velocemente tornata ai livelli della bella epoque.

 

E molto altro è accaduto da allora...

Utilizziamo i cookie per garantire la migliore esperienza sul nostro sito Web. Per saperne di più, vai alla pagina sulla privacy.
x