Per vedere le registrazioni dei convegni  disponibili su Youtube cliccare  qui !

Centro Studi Politici - I video


Nella pagina  Iniziative sono  consultabili  i programmi degli eventi,  dal 2007.







Uso degli Articoli


Il materiale del sito è disponibile per la libera consultazione privata.  Ciò non comporta la cessione di alcun diritto di proprietà intellettuale.

I documenti di maggior rilievo, così come le analisi approfondite, sono visibili solo in "abstract", o parzialmente, o se ne danno solo gli estremi. Per informazioni  scrivere a info@criticalia.it.

Normativa cookies


Riteniamo la normativa che "impone" l'annuncio sulla presenza di cookies quasi  inutile, anzi dannosa perché si è tradotta solo in un ulteriore appesantimento dei siti web no profit, mentre i siti profit di fatto "impongono" l'uso dei cookies di profilazione per poter anche solo consultare il sito; senza che all'utenza sia così garantita la effettiva libertà di "non tracciamento". Fatto questo di una pericolosità inaudita, in un mondo dove il web è libero (parzialmente) solo in alcuni Stati.

Avvertenza cookies

Criticalia non usa  cookies per "profilare" i suoi lettori, né registra alcunché, né cede ad altri tali informazioni. La consultazione del sito è completamente libera e aperta.  Vengono usati solo i cookies tecnici indispensabili.

Al momento il Centro Studi Criticalia non usa neanche  cookies per l'analisi anonima dell'utenza resi disponibi da alcuni software di gestione. Non occorre quindi alcun consenso dell'utente. Per approfoindimenti leggere la pagina Avvertenze.



.

Centro Studi Politici Criticalia ® Copyright 2010 - All Rights Reserved


Visitatori:   

Tell a Friend


 

GLI EVENTI

Nessun evento in programma.



L'Analisi

Una sinistra di transizione?
 
14 ottobre 2017 - Il  6 ottobre 2017 alcune associazioni, personalità, intellettuali e militanti hanno partecipato, insieme all'Associazione Net Left  (www.netleft.it), ad un incontro sulla trasformazioni prossime future a cui sta andando incontro non solo il nostro Paese, ma l'umanità intera.


Net Left in questi ultimi anni non è stata uno spettatore ignaro né passivo né adulatore dell'innovazione. Né Apocalittici, né integrati. Ha sempre  creduto nel pensiero critico, nella capacità di comprendere la qualità della trasformazione, le sue implicazioni produttive, lavorative, sociali e umane.
 
Per questo sono stati tra i protagonisti dell'appuntamento del 6 ottobre 2017 e, insieme agli altri partecipanti, hanno  deciso di indicare per il prossimo 11 Novembre 2017 un appuntamento Nazionale della Sinistra nell'Era Digitale. Una convocazione che non rientra nel dibattito quotidiano per la formazione di liste elettorali e si pone il tema della costruzione della sinistra nella Transizione. Anzi, della Sinistra della Transizione. Informazioni su www.netleft.it
 
Che significa "di sinistra" oggi ?
 
Tran·si·zió·ne significa passaggio da una situazione a un'altra, sia in senso statico, come condizione intermedia definita, che in senso dinamico in quanto implichi l'idea di un'evoluzione in atto. In musica è una modulazione di breve durata. In fisica, è il passaggio di un sistema da uno stato a un altro, e può essere anche un fenomeno imponente. Potremmo dire che il mondo è in un fase di transizione dal 1990, quando con la sconfitta dell'Unione Sovietica qualche sprovveduto ha scritto  di "fine della storia". Possiamo pensare che questa sia una fase di transizione da uno stato del mondo a un altro, e certamente lo è ma è ignoto quale sarà lo stato finale, né quando si avrà.
 
Qui si parla anche di "Sinistra". Giorgio Gaber nel 1994 già cantava ?cos?è la destra, cos'è la sinistra? e una risposta a questa domanda sta diventando inevitabile, per attivare una riflessione che generi una  pratica politica adeguata ai mutamenti in atto nel XXI secolo e guidi la transizione verso una nuova società italiana, europea, mondiale.
 
La distinzione tra destra  e sinistra parte storicamente dalla collocazione dei Partiti nell'aula parlamentare. Per convenzione, o per caso, in Europa i Partiti dell'innovazione e del cambiamento (e quindi delle classi povere e oppresse che uniche ne hanno interesse),  si sono sempre collocati a sinistra. Man mano che il personale politico del Partito di Sinistra  invecchiava e si trasformava prima in conservatore e poi in reazionario, altri Partiti arrivavano da sinistra, e i più vecchi si spostavano a destra, per poi scomparire per ragioni biologiche. Nel Parlamento Italiano degli ultimi due secoli il processo è evidente: i Partiti innovatori appaiono sul palcoscenico politico a sinistra e scompaiono a destra.
 
Nel XX secolo, quando si è data massima evidenza al conflitto economico tra classi di reddito diverse, l'argomento politico dell'egualitarismo portato dai Partiti Innovativi si è trovato a sinistra per cui la sinistra si è identificata con l'egualitarismo, nelle sue diverse forme. Tale identificazione è però stata contigente: può benissimo esistere un partito di sinistra, e di sinistra in quanto innovativo, che abbia una ideologia non egualitaria. Questo a noi sembra oggi inconcepibile ma sarebbe possibile; a meno che il Partito Nuovo non scelga di collocarsi a destra nell'arco parlamentare perché già cosciente di predicare valori politici reazionari. I diversi populismi europei, almeno finora, propugnano a favore del nazionalismo e contro l'immigrazione ma certamente le loro proposte politiche sono anti-egualitarie e antidemocratiche e si collocano da sé stessi a destra. E' però perfettamente concepibile un Partito egualitario e democratico che sia nazionalista (ad esempio europeista) e anti-immigrazione.
 
A complicare la questione, e la confusione, in Europa il Partito di Sinistra (unione dei tanti che si collocano nel terzo di sinistra) ha ideologie complesse non riconducibili al solo egualitarismo, e questo ha fatto sì che partiti innovativi si siano per reazione collocati a destra, pur in conflitto anche con i partiti di destra storici. La destra parlamentare è in genere composta, in tutta Europa, da fautori della disuguaglianza sociale e da reazionari, e si  realizza il paradosso di partiti innovativi allocati nella parte reazionaria dello schieramento dei partiti. Le ideologie sono realtà complesse.
 
Secondo questa concezione storica, a rigore un Partito innovativo che voglia affrontare i problemi del XXI secolo, in quanto innovativo non si dovrebbe collocare che a sinistra dello schieramento parlamentare. Tuttavia la storica identificazione sinistra-uguaglianza è foriera di voti provenienti, anche per abitudine, dalle classi a basso reddito.
 
Questo fa sì che Partiti di fatto conservatori o reazionari cerchino di attingere a questo serbatoio di voti o definendosi di sinistra (una bella definizione è "sinistra di lusso") o  spacciando come soluzioni nell'interesse del popolo strategie politiche che globalmente lo danneggeranno (qui ricadono i populismi di destra europei). I raggruppamenti politici che si definiscono di sinistra ormai in Italia vanno, di fatto, dal centro-destra alla sinistra intermedia; sfugge ai più che il Partito Democratico, in Italia, si colloca oggi come posizione dei suoi onorevoli  al Centro dello schieramento parlamentare,ed è quindi un Partito di Centro, conservatore,  che sia allea con la destra (per definizione reazionaria).
 
I partiti a sinistra del PD in realtà si collocano al centro-sinistra,e  quindi sono moderatamente innovatori. Essi si collocano a destra del MovimentoCinqueStelle che, essendo comparso sulla scena politica da qualche anno, è l?Ultimo innovatore e si colloca a sinistra, per definizione. Che alcune parti della sua ideologia politica si discostino anche molto da quelle dei vecchi partiti di sinistra conferma solo la nostra tesi.
 
Necessità di nuove ideologie di sinistra
 
Se è indubbio che gli innovatori nascono a sinistra, è evidentemente in un Partito di Sinistra (in questa accezione) che possono essere trovate risposte ideologiche, e poi politiche, sia ai drammi quotidiani che riempiono  le cronache, sia alle scaramucce tra i partiti rappresentate egregiamente nei TG,  nei Talk Show e sul web. Chi pensa di rispondere alle questioni di tutti i giorni richiamandosi solo alle  prospettive future ricorda un po? gli economisti che proponevano di rispondere a tutti i problemi sociali con la crescita economica; e invece è accaduto il contrario: dopo decenni e decenni di crescita, incamerata tutta dalla classe ad alto reddito, la situazione del 99% della popolazione euro-USA è peggiorata; però è migliorata, con la crescita, quella della popolazione cinese. Evidentemente gli economisti USA-UE credevano di essere cinesi.
 
Ma è proprio su questa cesura tra sinistra storica e sinistra reale che si gioca l'elaborazione di una ideologia politica innovativa che voglia puntare a cambiare il mondo. Una ideologia che abbia anche una dimensione utopica.
 
Utopia? Sì. Un Partito nuovo è come un giovane uomo, che è pieno di sogni e punta a cambiare il mondo. Non ci riesce mai come voleva, ma un po' sì. L'uomo giovane che invece punta solo al proprio interesse egoistico cambierà comunque il mondo, ma in peggio; non esistono monumenti a ricchi egocentrici ed egoisti, che magari hanno lasciato patrimoni immensi a figli e nipoti. Non esistono perché non se li meritano, perché quando la nebbia dell?apparenza è scomparsa i posteri hanno visto che queste persone hanno cambiato il mondo solo in peggio. Oggi ammiriamo Tesla, non certo Edison.
 
I limiti dello  sviluppo umano
 
La storia dell?umanità è giunta a un vero e proprio punto di svolta, conseguente a tanti drammatici cambiamenti indotti dalla scienza e dalla tecnologia realizzate in Europa in questi ultimi secoli, e nel XX secolo trasmesse al resto del mondo. I limiti dello sviluppo sono noti, e sono stati descritti dal Club di Roma decenni fa: se ogni anno la popolazione umana consuma le risorse che il Pianeta ha prodotto in  più anni, attingendo alle scorte, prima o poi le scorte finiranno e la popolazione dovrà vivere con quanto disponibile nell'anno. Poiché quanto disponibile nell?anno è insufficiente per tutti (anche ipotizzando che fosse distribuito in modo equo, ma poiché oggi non lo è sarebbe irragionevole ipotizzare che accada) la conseguenza sarà una gigantesca (o strisciante) carestia. Quindi o si riduce il consumo di risorse a livello di sostenibilità, o si riduce la popolazione. La strada verso questa mega-catastrofe la stiamo già percorrendo. La scelta se reagire cercando di impedirla o lasciare che accada è ineludibile. L'umanità può guidare l'evoluzione verso una società che tenga conto di questi vincoli reali, o essere travolta dalle conseguenze dei meccanismi sociali in essere.
 
 
Le differenze tra le politiche di soluzione del problema  adottate nel secolo scorso nei vari Paesi, alcuni più lungimiranti di altri, sono state i prodromi di ulteriori conflitti già in corso. La pressione migratoria dall'Africa verso l'Europa Occidentale è anche dovuta al diverso tasso di sviluppo demografico; quasi nullo nell'Europa Occidentale, altissimo in Africa. Per un feedback perverso, le tecnologie mediche e agrarie elaborate nell'Europa Occidentale negli ultimi secoli e le buone pratiche importate in Africa dall'Europa hanno consentito all?Africa di avere un tasso di sviluppo demografico come mai nella sua storia plurimillenaria. Conseguenza è una pressione demografica enorme, problema di dimensioni storiche ma che l'Europa si rifiuta di affrontare nella sua drammaticità.
 
 
Una organizzazione politica che voglia  puntare a cambiare il mondo deve evitare il permanente schiacciamento sul quotidiano. La tattica  politica diffusa attraverso sintetiche declamazioni in 144 caratteri impedisce di alzare lo sguardo oltre l'immediato. Distrae dal ricostruire l'evoluzione nel tempo dei drammi giornalieri. Trasforma la politica, e  i politici che puntano solo a offrire la miglior battuta possibile, ficcante e penetrante, ma senza orizzonti pensati o sufficientemente complessi, gli unici capaci di incidere realmente sul corso degli eventi e, alla fine, sulla Storia.
 
Le visioni semplicistiche potano a scelte semplicistiche, che nella realtà si rivelano inadeguate, se non sbagliate e a volte catastrofiche. A volte le scelte complesse sono persino più dure, e sanguinose, di quelle semplicistiche, ma hanno effetti duraturi. Gli statisti emergono tanto più sui politici quanto più guardano lontano nel tempo e in questo periodo il governo che ragiona di più guardando all'evoluzione nel tempo è quello della Cina, che infatti inesorabilmente sta diventando la prima potenza mondiale.
 
Le innumerevoli trasformazioni sociali che abbiamo nel presente, e nel prossimo futuro, non sono solo collegate ad alcune innovazioni tecnologiche,  ma a come si organizza il coinvolgimento degli  altri settori dell'economia e della organizzazione sociale. Non è vero che le possibilità aperte dalla tecnologia superino  di gran lunga le ideologie etiche che l'umanità aveva elaborato, nelle varie culture e civiltà, nel corso dei millenni; è vero che a problemi nuovi occorra dare soluzioni nuove, anche scartando e buttando nei polverosi archivi delle biblioteche le parti di ideologie non più attuali.
 
Esistono sì domande impensabili fino a pochi anni o addirittura mesi or sono, ma il voler non dare risposte è figlio dell'interesse privato di chi ha già deciso (dando quindi di fatto risposta) che il lasciar fare gli convenga.
 
Se le attività umane hanno quasi definitivamente trasformato il pianeta in una immensa industria è perché esistono due convenienze: dei popoli a disporre dei prodotti che l?attività economica può fornire, e dei padroni delle aziende a guadagnare.  Se tutte le risorse  esistenti, umane, animali, vegetali e minerali sono oggetto di  sfruttamento non lungimirante è perché vi è convenienza immediata, e si lascia agire secondo questa convenienza immediata. Se  la popolazione, in molti Paesi, sta esplodendo, è perché alla convenienza familiare di essere molti si unisce la convenienza della classe dirigente ad avere molti soggetti da parassitare, sia sfruttandoli come forza lavoro sia usandoli come forza militare potenziale.
 
Questi processi a vista corta avvengono senza comprensione della complessità dei meccanismi che presiedono alla biosfera nella quale viviamo. Si dà per scontato che, visto che il problema non si è mai posto, tutto si aggiusterà. Non è così. Queste enormi trasformazioni hanno innescato processi di distruzione ambientale che molti studiosi ritengono quasi irreversibili: dal cambiamento climatico fino all'annuncio dell?inizio della VI estinzione di massa della vita sul pianeta dovuta alla moltiplicazione degli Homo Sapiens, che ha come conseguenza disboscamenti e sfruttamento intensivo.
 
I conflitti demografici
 
Per la prima volta nella storia umana, il XXI secolo è il secolo del limite al flusso di popolazioni: non esistono più territori ricchi di risorse naturali gratuite dove emigrare. Si torna alla contesa dei territorii. L'emigrazione dall'Africa, ancora poco densamente popolata (36 persone per kmq) verso una Europa Occidentale sovrappopolata (200 persone per kmq) e che importa gran parte delle risorse alimentari e minerali che usa, è insensata e non è naturale. E'  dovuta solo alle diverse organizzazioni sociali realizzate nei due continenti.
 
Accanto a questi processi che le classi dirigenti sfruttano in vario modo, e quelle parassite solo per diventare ancora più ricche,  oggi l'umanità si trova ad attuare  scelte irreversibili come quella di modificare il proprio destino evolutivo e quello di tutte le specie attraverso la modifica generalizzata dei DNA dei viventi.
 
Altre scelte, potenzialmente catastrofiche nel complesso, sono frutto di una miriade di piccole scelte localmente convenienti ad alcuni, come quella di affidare alle nuove forme di Intelligenza Artificiale (che sicuramente è artificiale  e non è intelligenza ma programmazione molto complessa) la gestione di strutture critiche e complesse.
 
Che queste scelte  ben più complesse siano offuscate da quelle più semplici (ma politicamente scorrette) di bilancio, di indebitamento pubblico, di distribuzione equa della ricchezza prodotta, di frenare il parassitismo dell'1% verso il 99%, è una scelta politica.
 
Le scelte di politica economica devono essere subordinate a quelle di politica demografica. Altrimenti  rappresentano solo un tentativo ragionieristico (inteso come quello di chi guarda solo al contingente che lo riguarda) e alla lunga inefficace, di continuare a partecipare al banchetto dell'1% che sta portando il Pianeta Terra a un vero e proprio collasso e la popolazione umana verso una catastrofe demografica.
 
Per reagire a questa situazione, e agire politicamente, è necessaria una ideologia politica che sia  adeguata. E' necessaria  una indipendenza  di pensiero all'altezza dei problemi in essere e di quelli futuri.  Invece di posticipare qualunque scelta a data da destinarsi, o a quando ci sarà un consenso mondiale impossibile da ottenere con le classi dirigenti di oggi, sono necessarie scelte politiche locali (nazionali ed europee) coerenti con l'obiettivo di  governare questi problemi ed evitare la catastrofe, o ridurne gli effetti nel Paese dove viviamo. E' necessario elaborare consapevolezze nuove, progettare  obiettivi politici diversi, abbandonare ideologie e  soluzioni politiche non più all?altezza.
 
E'necessaria una ideologia che non si limiti alla pura e semplice rivendicazione di  diritti o alla volontà di realizzare l'equità sociale in Europa, ma che voglia realizzare una organizzazione sociale adeguata a rispondere alle sfide del XXI secolo.
 
Alcuni intellettuali (della ex-sinistra, non sappiamo come chiamarla) vogliono uscire dalle logiche che stanno portando il mondo al collasso. Vogliono proporre una mossa del cavallo per uscire da un terreno e da un gioco che li vede da troppo tempo in difesa e sconfitti. Non vogliono una omologazione al pensiero dominante, alle sue logiche e alle ricette per rendere meno cruento l'impatto del neo-liberismo, ma puntano a una diversa pratica di alterità rispetto alle ricette praticate nel passato; per mantenere (questo è il loro obiettivo dichiarato) dritta la barra della costruzione di una società di eguali che sappia vivere in sintonia con tutta la vita del pianeta, ritengono che abbiamo bisogno di nuove culture, nuove rivendicazioni e, soprattutto, della capacità di iniziare a costruire direttamente le nuove condizioni di vita del futuro. Su questo fronte vogliono che siano  impiegate le intelligenze creatrici, su questo crinale vanno impiegate le risorse pubbliche. Vogliono creare un processo a valanga in grado di modificare i rapporti di forza, costruire coerenze tra le loro ambizioni e le scelte politiche e amministrative.
 
Problemi nuovi per Italia e Europa
 
Una  re-ingegnerizzazione della società, un governo  di TRANSIZIONE del XXI secolo verso una società più egualitaria e con una popolazione minore, o che incida molto meno sulle risorse naturali, è una necessità  obbligata se non si vuole arrivare alla più grande strage di uomini della storia  conosciuta.
 
Non è un problema astratto o, peggio ancora crederlo, che riguardi altri. L'Italia è in prima linea: un paese che importa il 50% dei suoi consumi alimentari, un paese talmente povero nel XX secolo da perdere metà della sua popolazione (circa 50-60 milioni di discendenti di italiani vivono fuori Italia) e da praticare l'autarchia, un Paese dove l?emigrazione sta crescendo, la disoccupazione è al 20%, un Paese che da decenni accetta e agevola una immigrazione spesso inassimilabile che è già arrivata al 10% dei residenti, un Paese che sta perdendo tutte le industrie perché trova più conveniente per ora importare prodotti dalla Cina, un Paese con un Esercito di 80.000 unità e niente addestramento militare diffuso, è un Paese debole sotto ogni aspetto e che di fatto è già considerato debole e fuori gioco.
 
L'Europa è in prima linea. E' un continente che importa gran parte delle materie prime (le risorse russe sono enormi, ma non abbastanza), che importa cibo, che è spaccato in due, in tre, con l?Europa Occidentale che attua una politica e quella Orientale che ne attua un'altra. E' un continente dove, nonostante due guerre civili, la parte occidentale  e la parte orientale si vedono ancora come avversari sul piano militare, quando non hanno nulla da contendere sul piano politico,e  tutto da guadagnare dall'essere uniti verso il resto del mondo. E' un continente che non ha una strategia unitaria verso i problemi  provenienti dall'esterno: dove a occidente l'islamismo ha carta bianca mentre a oriente viene combattuto con le armi, dove a occidente ai prodotti cinesi si aprono tutte le porte mentre a oriente è lo Stato a decidere. E' un continente che soffrirà di siccità a Sud mentre a Nord l'effetto serra renderà più coltivabili vaste aree, non ha ancora neanche ipotizzato  una politica di ridistribuzione demografica al suo interno e si illude di poter mantenere aperte  le porte a due continenti enormemente più grandi di lui. Esattamente come la Grecia, che si riteneva superiore all'Impero Romano, e si sa come è finita.
 
 
Abbiamo sempre ritenuto creduto che qualunque sviluppo storico si debba affrontare con due occhi: uno rivolto al passato per imparare dalle esperienze e non ripetere agli errori del passato,  e l'altro rivolto al futuro.  Le ideologie del passato sono state concepite per il passato, le ideologie del presente debbono adattarsi al futuro o essere abbandonate e sostituite da altre.
 
Non è mai esistita, nel passato, una simile combinazione di problemi e di vincoli, ma non è mai esistita nel passato una tale mole di conoscenze scientifiche a disposizione. Probabilmente non è possibile consentire a 8 miliardi di persone di vivere dignitosamente come oggi si ritiene opportuno, per generazioni e generazioni, con questo tasso di consumo delle risorse naturali, e quindi occorrerà  far diminuire la popolazione affinché possa continuare a vivere.
 
Questo è un problema che l'umanità non ha mai dovuto affrontare, e l'averlo già affrontato separatamente nei diversi Paesi è già probabilmente una delle ragioni delle guerre attuali,  prossime. Abbiamo già dei conflitti in corso per questa ragione: Bangladesh-Myanmar, Israele-Palestina sono soltanto quelli all'onore delle cronache in questo periodo.
 
Il governo cinese ha impresso una svolta al problema con la politica del figlio unico, che ha consentito di avviare il circolo virtuoso dello sviluppo. L'Europa Occidentale ha risolto il problema tramite l'educazione, che ha di fatto stabilizzato la popolazione ma, se mantiene (unica al mondo) l'attuale politica di porte aperte all'immigrazione senza alcuna riflessione,  la Brexit e i risultati delle recenti elezioni in Germania potrebbero essere  solo i primi refoli di una bufera. Altri Paesi invece incentivano lo sviluppo demografico, nella convinzione di poter volgere a proprio vantaggio i flussi migratori, ma fino a quando? Finché il flusso è verso Stati con  governi al budino, gli ingressi sono continui e pacifici. Cosa accadrà quando i governi di budino saranno sostituiti da governi di ferro che vorranno invertire i flussi, e espellere gli immigrati non voluti? E' notizia di queste ore che il Myanmar abbia  già espulso circa 535.000  immigrati giunti dal Bangladesh qualche decennio fa. Il Bangladesh ovviamente non li vuole. Il Bangladesh ha 150 milioni di abitanti, il Myanmar circa 50. I metodi feroci usati oggi dall'esercito birmano per realizzare l'espulsione sono arrivati  dopo decenni di pressioni che non hanno ottenuto il risultato desiderato. Questo potrebbe ripetersi ovunque nel mondo vi sia una immigrazione non voluta e inassimilabile. Non sono problemi che non riguardino l'Italia: soldati  italiani sono ancora presenti nel Kossovo.
 
La soluzione non è la tecnologia
 
Moltissimi credono che la soluzione sia più tecnologia. Le tecnologie non sono buone o cattive: è l'uso che se ne fa, e chi lo decide, ad essere buono o cattivo. La stessa disponibilità di trasporti e tele comunicazioni che sta causando problemi di immigrazione e globalizzazione garantisce la possibilità di una ridistribuzione veloce delle risorse alimentari quando necessario.
 
E' possibile elaborare una ideologia che sfrutti le conoscenze scientifiche  per affrontare questi problemi e costruire modi nuovi di  produrre, consumare, interagire.
Le ideologie del XX secolo sono superate; si può prendere da esse qualcosa, anche molto, ma ha senso solo elaborarne di nuove, che tengano conto della evoluzione della società. Le tecnologie informatiche hanno reso il capitalismo pervasivo, veloce, onnipresente, non ha senso rinnegarlo. Ma contemporaneamente lo hanno reso iper-dipendente dagli Stati dove queste tecnologie sono impiegate. Non un solo scambio può avvenire sul mercato se lo Stato controlla i server. Non una sola transazione informatica può sfuggire al fisco, se lo Stato non vuole. Se dal 1990 viviamo nella società neo-liberista (in Europa e USA) la società del dopo neo-liberismo non sarà realizzata  guardando alle vecchie ideologie, concepite in tempi in cui solo l?Europa era industrializzata, e le uniche ideologia religiose presenti in Europa erano quelle cristiane.
 
Occorre sviluppare altre ideologie che sfruttino il capitalismo finanziario come un utile cavallo per andare dove si vuole, che considerino anche le ideologie religiose non cristiane, e che considerino anche gli studi di economia realizzati nell?ultimo secolo.  Possiamo dire che nessuna ideologia sarà  più come prima, e con sicurezza  possiamo dire che questa trasformazione è solo agli inizi. Decine di volumi elaborato da pensatori del XIX e XX secolo vanno presi, rispolverati, e setacciati. L'uomo è sempre lo stesso, e in ogni ideologia c'è qualcosa che vale anche per gli uomini di oggi; si prenda l?oro che serve oggi, e si lascia il resto. Poi il vecchio oro sarà  fuso e utilizzato per realizzare gioielli nuovi, aggiungendo qualcos'altro.
 
Ideologie e tecnologie
 
Chi realizzerà questa elaborazione (non una sola persona) sarà per definizione di sinistra nel nuovo significato (ma vecchio dal XIX secolo) di innovatore. Categoria da distinguere nettamente da quelle parti politiche che vengono oggi definite sinistra su molti media, e che sono storicamente vecchie. Così vecchie che la componente conservatrice, reazionaria, antiegualitaria sta diventando, o è già diventata, preponderante.
 
Le trasformazioni tecnologiche in sé (è noto  da quando si è passati dal paleolitico al neolitico, con la tecnologia della pietra levigata) non eliminano le diseguaglianze innescate dall?egoismo umano,   possono essere usate per vincere i conflitti sociali e sviluppare nuove crudeltà,  e nuovi modelli di sviluppo ancora più oppressivi.   L'innovazione tecnologica in Europa del XX secolo, senza l'ideologia politica che ha cercato di indirizzarla al bene comune, avrebbe portato a maggiori dolori e ad una società ancora più ingiusta. In Europa questa azione politica c'è stata, per questo oggi l'Europa è l'obiettivo dei migranti che vorrebbero scappare da Paesi dove questa azione non c'è stata né c'è, e forse non ci sarà mai fino alla prossima rivoluzione.
 
Ogni innovazione tecnologica che può ridisegnare i rapporti tra i membri di una società, quando non viene incanalata da una classe politica dotata di una ideologia che sfrutti le sue potenzialità per soddisfare i bisogni sociali e accrescere l'uguaglianza, produce maggiori distorsioni e maggiore alienazione. Quando viene sfruttata da una classe politica chiaramente dotata di una ideologia egoistica, produce oppressione, disuguaglianza e sofferenza. I bisogni dei  neoluddisti non  sono stati soddisfatti dalle forze di mercato, né dalla forza delle armi, ma da un contesto in cui alcune parti politiche   hanno cercato di realizzare una società in cui l'uso di nuove macchine avesse effetti positivi per tutti, non solo per le aziende private.
 
Oggi le  tecnologie elettroniche, dell'informazione e della comunicazione  sono state, sono e saranno, foriere di innumerevoli trasformazioni nell?economia, nella produzione, nei rapporti lavorativi e anche nei rapporti umani. Oggi vengono sommariamente definite tecnologie digitali, evidentemente perché molti ignoravano che anche l'alfabeto è una tecnologia digitale, poiché si basa su un gruppo di simboli anch'esso. Di fronte a queste grandi trasformazioni si hanno diverse scelte, nell?ambito politico:  sfruttarle, ignorarle, sottovalutarle o esaltarsi.
 
Ogni area politica affronta questa scelta in modo diverso. In Italia c'è persino un partito di destra che negli anni '90 è nato grazie alle tecnologie elettroniche (allora si trattava di video cassette). In questi anni in Italia è nato un altro partito (di sinistra? Lo è in quanto innovativo e anti-sistema. Non lo è perché rifiuta il vecchio concetto di sinistra) che ha ampiamente sfruttato la disponibilità di siti sul web per farsi conoscere, e addirittura per scegliere i suoi candidati in Parlamento. L'area politica nettamente a destra nel Parlamento Italiano si definisce di centro-destra, la sinistra include tutto il resto. L'ultimo Partito arrivato, in ordine di tempo, in Parlamento si definisce non di sinistra (in odio alla sinistra storica al potere) e un movimento (in odio ai Partiti preesistenti); di fatto è di sinistra, anzi di estrema sinistra essendo l'ultimo arrivato. La situazione italiana è indubbiamente confusa assai; il termine Sinistra va preso con le molle da caminetto, in attesa che qualcuno  ne inventi un altro che abbia successo. L'ultimo inventato è "sinistra della transizione".




 

      
 Contatti:  info@criticalia.it


 



Avvertenze | Dicono di noi | Area riservata
Site Map